Segreteria nazionale
via degli Olmi, 62
00172 Roma
tel 06 2310408
fax 06 2310409
mail rns@rns-italia.it
Homepage >> Notizie Torna alla pagina precedente...
41ª Convocazione Regionale del RnS in Campania 
Nocera (SA), 7 ottobre 2018
41ª Convocazione Regionale del RnS in Campania - Clicca per ingrandire...

Salvatore Martinez e Mario Landi intervengono alla 41ª Convocazione Regionale dei Gruppi e delle Comunità del RnS in Campania

 “«Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò» (Lc 15, 20b). L’abbraccio di Dio e della Chiesa all’uomo contemporaneo” è il tema della 41ª Convocazione Regionale dei Gruppi e delle Comunità del RnS della Campania, in programma a Nocera (SA), presso l’Area Mercatale Paganini, domenica 7 ottobre.

La giornata si presenta ricca di eventi: dopo l’accoglienza dei partecipanti alle ore 08.00, il saluto del coordinatore regionale, Giuseppe Contaldo. Sempre nella sessione mattutina, i partecipanti potranno assistere a un evento straordinario: l’esposizione della reliquia del beato Paolo VI, proclamato santo da Papa Francesco e canonizzato domenica 14 ottobre.

A rivolgere il saluto d’indirizzo sul tema della Convocazione è  S.E. Mons. Giuseppe Giudice, vescovo della diocesi di Nocera Inferiore–Sarno. A seguire, padre Giulio Michelini, OFM, predicatore e preside dell’Istituto Teologico di Assisi, detta la prima relazione sul tema della Convocazione. A chiudere la sessione mattutina, la supplica alla Vergine di Pompei e la Celebrazione eucaristica. 

Nel pomeriggio intervengono il coordinatore nazionale Mario Landi con una relazione sul tema “Questa corrente di grazia è per tutta la Chiesa” (Papa Francesco, 3 giugno 2017), e il presidente RnS, Salvatore Martinez, sul tema “Partì e si incamminò…” (Lc 15, 20a).

Sempre il presidente Martinez guida alle 16.45 un tempo di Roveto ardente di intercessione per i sofferenti ispirato al vangelo di Luca: “Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: ‘Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio’” (15, 18-19a).

 

(05.10.2018)